Il pranzo della domenica. Mangia e Tas, Bestazzo di Cisliano

«Lasciateci ossobuco, cassoeula, brasato al Barolo, agnolotti e ravioli, tortellini in brodo, carrello dei bolliti, lasagne e cannelloni, e tutti gli altri piatti delle cucine regionali»: così Franco Ziliani, amico e giornalista tra i più liberi che io conosca, proprio ieri si sfogava su facebook. L’invocazione appassionata di Franco, uno che sul vino ha pochi rivali, capita proprio a proposito. Oggi infatti vi racconto dell’Osteria Mangia e Tas di Cisliano (Milano), un posto di cui mi si parlava da tempo e che lo scorso 30 ottobre (non era una domenica, ma la sera di un mercoledì) sono andato a provare, raccontandone poi su Libero pochi giorni dopo. Mangia e Tas, mangia e taci? Non proprio: andando lì, avrete voglia di chiacchierare amabilmente, e, a pranzo o cena finita, di parlarne. Perché da Mangia e Tas si spendono 29 euro per un menù fisso di cinque portate (in realtà di più), uguale per tutti. Anzi no: per i bambini, il conto è ridotto a 15. E c’è la lista d’attesa.

Continue Reading

Zucca e castagne nell’hinterland. Il Cerchio e la Botte, Gerenzano

Un colpo al cerchio, uno alla botte. Il cerchiobottismo è, talvolta, un’usanza che viene fatta propria da certi politici, quelli che, magari in buonafede, non vogliono scontentare nessuno. Spesso il politico cerchiobottista finisce per fare la figura di una persona fin troppo pragmatica. Uno che non esita a venire a patti con la propria coscienza per uscire con la faccia pulita da ogni situazione. Per l’Osteria Il Cerchio e la Botte, a Gerenzano (Varese), vicino Saronno, è invece tutto il contrario: il desiderio di accontentare ogni cliente non fa mai venir meno la coerenza di chi la gestisce. Ve ne ho parlato domenica su Libero.

Continue Reading

Harley e tortelli di zucca a 25 euro. Trattoria Sabbioneda, Milano

Dietro l’Elfo Puccini, a Milano, una trattoria vera, autentica, di quelle che riconciliano con la categoria stessa. La Trattoria Sabbioneda da Romolo non ha sito web, né una pagina facebook ufficiale. Cioè: quest’ultima c’è, ma è una di quelle create automaticamente dalla piattaforma. Da 73 anni è un passaparola di clienti soddisfatti, che poi tornano volentieri assieme a molti altri. Proprio ieri su Libero avete avuto modo di leggerne, come sempre mi dilungherò anche qui.

Continue Reading

A cena dai cugini terribili. Trattoria Maurizi, Nibionno

Uno si chiama Attilio, ma per tutti è Attila. L’altro, invece, di nome fa Elio. Sono cugini. Cognome: Redaelli. Lombardo, lombardissimo. Anzi: brianzolo. Se nel resto della Lombardia è diffuso Radaelli con la a, nella Brianza lecchese (perché proprio in provincia di Lecco ci troviamo: a Nibionno) il cognome con la e ha la preminenza. Ma il cognome, in questa trattoria, non si vede. Si vede solo il soprannome del bisnonno, una delle tante cose che i cugini hanno in comune: Maurizi. E soprattutto, si mette in mostra una cucina che sotto la scorza semplice mostra una fibra d’autenticità. E si beve bene. L’ho raccontato proprio ieri su Libero.

Continue Reading

Gli Specialisti in pizzoccheri: Osteria Al Sole, Ponte in Valtellina

Gli Specialisti: un nome portato da uno spaghetti-western diretto da Sergio Corbucci a fine anni Sessanta, da una serie televisiva americana di vent’anni dopo e da un’altra tedesca molto più recente. Ebbene: lo stesso nome si può darlo all’Osteria al Sole di Ponte in Valtellina, provincia di Sondrio. Gli Specialisti. Specialisti in pizzoccheri e sciatt, unici piatti in menù, o quasi. Una scelta impegnativa: scegliere di focalizzarsi soltanto su due portate, anzi su due capisaldi della ghiottoneria valtellinese, impone una realizzazione perfetta, o quasi. E allora? Qui ce l’abbiamo, e abbiamo anche tanta gentilezza.

Continue Reading

A casa delle amiche del cuore. Trattoria A Casa Nostra, Milano

Per alcuni, si dovrebbe mangiare come a casa. Per altri no: quando si esce, si dovrebbe mangiare meglio. Chi vince? Ma soprattutto: perché fare la gara? Ci sono posti dove ci si sente a casa, ma mangiando con una cura che non sempre nella propria cucina si saprebbe ricreare. A Casa Nostra, una trattoria di Milano che esiste da due o tre anni, consente pressapoco un’esperienza simile. E a prezzi decisamente convenienti per la città: 40 euro a testa. Ne ho parlato proprio ieri su Libero, il mio giornale. Oggi ve ne parlo qui.

Continue Reading

Prepariamoci per l’inverno: una galleria di cassoeula da non perdere

Tra i blog vanno di moda le classifiche, spesso simpatico sistema per raggranellare click grazie ai motori di ricerca? E io faccio le Non-Classifiche. Non sono classifiche, ma piccole rassegne di bontà, messe tutte insieme.


Non sembra, ma conviene fare come le marmotte: prepararsi per tempo all’inverno che arriva. E come? Ma è semplice: segnarsi dove mangiar bene la cassoeula, che è una delle glorie della cucina non solo lombarda ma di tutt’Italia.
E allora, senza commenti che non siano telegrafici, ecco una mia personalissima galleria delle cassoeule più buone degli ultimi due anni.

Continue Reading