Pizza rianata e pane cunzato allo Stagnone. Mamma Caura, Marsala

Questa non è una recensione. E’ un racconto. Anzitutto, perché non si è trattato di un vero pranzo, ma di un magnifico aperitivo, e poi perché ero ospite. Venerdì 8 novembre Massimo Picciotto, il nostro amabile anfitrione a WineUp Expo, ha deciso di far fare a me e agli altri colleghi della giuria mediatica del Concorso La Medusa una bella gita allo Stagnone di Marsala, ossia alle lagune che ospitano numerose saline. E ha previsto un aperitivo non esattamente frugale al Mamma Caura, locale proprio accanto all’acqua.

Le saline Ettore e Infersa

Ecco: il panorama delle saline è questo. L’avete visto nella foto in alto, che riprende anche uno dei classici mulini, e lo rivedete in quest’altra. I rilievi che vedete là in fondo sono semplicemente l’isola di Favignana, che esce dal mare come un gigantesco leviatano. Un posto che d’estate dev’essere calcinato dal sole e caldissimo. L’8 novembre c’era questo cielo color turchese, un bel venticello e un bel sole (che a sera purtroppo disparve).

Mamma Caura

Lì in mezzo, i tavolini di Mamma Caura, ancora all’esterno. Mi domando: rimarranno lì anche in pieno inverno? Non so perché, ma ho l’impressione di sì. Sul loro sito, tra l’altro, rivendicano un’apertura settimanale perpetua: tutti i giorni, da lunedì a domenica, dalle 9 del mattino a mezzanotte.
Mamma Caura è bar e ristorante. Non abbiamo provato i piatti cucinati, ma Massimo ci ha fatto portare un corposo aperitivo, sadicamente incurante del tour de force culinario a cui eravamo sottoposti…

Pizza rianata

Col nome di pizza rianata, da Mamma Caura, s’intende quello che altrove in Trinacria si chiama sfinciuni o sfincione. Dico da Mamma Caura, perché le mie fonti asseriscono che altrimenti, nel Trapanese, si tratti di una semplice pizza con l’origano (rianata, come dire origanata). Qui l’origano non c’è. In compenso ci sono pomodoro, cipolle, acciughe.

Pane cunzato

Sul pane cunzato c’è già maggior concordanza. E’ un pane siculo che viene cunzato, ossia condito, con pomodoro, acciughe origano e formaggio pecorino fresco. Da Mamma Caura è in vigore una variante che prevede carnose sarde, formaggio pecorino più stagionato e basilico

Tartine con bottarga e matarocco

Poi, una sventagliata di tartine, che chiamano bruschette anche se bruschette non sono. Su alcune, c’è il matarocco, il pesto marsalese molto agliato di cui ho già parlato. Su altre, assieme a olio, basilico e pomodoro, fa la sua comparsa la bottarga di tonno, affettata in sottili, leggiadre losanghe. Una roba irresistibile.

Sarebbe interessante provare la cucina, che prevede (a sentir loro) anche spigole fresche pescate nello Stagnone. Sarà per la prossima volta. Andateci e raccontatemi.

Mamma Caura
Contrada Ettore e Infersa
Salina Ettore
Marsala (Trapani)
Tel. 0923966036
Sempre aperto

Magari ti piace anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *