Per caso, un piatto di spaghettoni alla Nerano… Camillo Benso, Milano

Questa è un’impressione telegrafica, che mi esce dal mezzo pranzo che ho fatto oggi. Di solito, quando non mangio per lavoro (ossia per scrivere) è raro che scelga più portate per pasto. Anche oggi, essendomi trovato in centro a Milano per lavoro, ho seguito il canovaccio. Ma mi va di raccontarvelo. Era da un po’ che volevo provare Camillo Benso, e l’ho fatto con una gloriosa fondina di spaghettoni alla Nerano.

Camillo Benso

Camillo Benso si chiama così perché si trova proprio a piazza Cavour, all’interno del mitico Palazzo dei Giornali ove ormai, credo, non c’è più la redazione di alcun giornale. E’ una creatura del gruppo Fresco & Cimmino, del quale anni fa ho avuto modo di provare ‘A Storia, in via Montenero, rimanendone piuttosto soddisfatto.

La sala

Il posto si presenta con una sala molto ma molto ariosa e anche con tocchi di sontuosità. Se siete fortunati, capiterete, com’è successo a me, nel divanetto verde, che vi farà venir voglia di dormirci sopra.
All’entrata, l’angolo bar, coi dolci della casa, tra cui domina il babà.

L’angolo bar

Il posto è fascinoso, senza il minimo dubbio da parte mia. I camerieri sono pure estremamente competenti, gentili, veloci ad accontentare una clientela che contempla gente di tutte le età e le provenienze.

Il menù

Ecco la pagina del menù dove ho scelto gli spaghettoni alla Nerano. Si tratta di una ricetta che amo molto, molto, molto. Spaghetti e zucchine, con l’abbraccio del provolone del monaco, formano un triangolo amoroso difficilmente resistibile. Provate anche voi a farli. Ad esempio, con la ricetta che l’amico Luciano Pignataro ha raccolto da Tonino Mellino, chef-patron del Quattro Passi proprio a Nerano, che è frazione di Massa Lubrense (Napoli).

Beh… Ho fatto bene. I miei spaghettoni li vedete in apertura post. Il prezzo è stato di 14 euro: non poco, ma considerando la location (si dice così no?) nemmeno troppo. E poi il piatto era realizzato con un’equilibrio e una potenza magistrali, con le zucchine trattate al bacio. In breve tempo, il provolone si è sciolto dando al tutto un tessuto connettivo sensuale e, direbbero i soliti esperti, materico. E una porzione nient’affatto da carestia.

La non-recensione si ferma qui: con un solo piatto mangiato, non è una recensione ma un consiglio. Non metto neanche le solite indicazioni sul conto e sul menù, non avendo provato un pranzo completo. Tuttavia quegli spaghetti…

Camillo Benso
P.zza Cavour, 2
Milano
Tel. 0245377630
Sempre aperto

Magari ti piace anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *