Bubble Tea, innocenti evasioni. Mistertea, Monza

E’ da pochi anni che il bubble tea ha cominciato a prendere piede in qualcuna delle nostre città. Personalmente, l’ho provato per la prima volta nel 2017 in due posti a Milano, nel quartiere cinese, e da allora mi sono detto che avrei assaggiato anche qualche altra varietà di questo intrigante beverone nato nella Cina Libera (Taiwan). Bene: lo scorso sabato 12, passeggiando per la mia Monza, ho scoperto che all’angolo col fiume Lambro è arrivato un posto che ha il bubble tea come portata principale: Mistertea.

Leggi Tutto

Le caramelle del nonno nel Ventunesimo Secolo. Console Caffè, Bra

Le caramelle non sono sempre una cosa da bambini. I nonni spesso tenevano in tasca confetti di fragranze che non ci piacevano e non capivamo, da piccoli. Le famose pastiglie Leone avevano la linea delle cosiddette digestive che mi sembravano troppo amare. Io preferivo le dissetanti. Eppure, certi gusti hanno una loro ragion d’essere: l’ho scoperto da grande. L’assaggio delle caramelle genziana e menta del Console Caffè di Bra (Cuneo) me l’ha ribadito, dandomi al contempo il sapore di qualcosa di antico.

Leggi Tutto

La Coppa Melba gioiosa e ignorante: Bar City, Lignano Sabbiadoro

Non so se avete idea del significato della parola ignorante in dialetto romanesco. Ignorante, in italiano, significa quello che sapete tutti. In romanesco, o meglio in gergo romano, vuol dire anche altro. E’ difficile sintetizzarlo in poche parole. Il senso è qualcosa di non infronzoluto, diretto, semplice, senza barocchismi, che va dritto al punto in una maniera forse forse quasi schiettamente volgare. Ma senza negatività intrinseca, anzi. Oggi voglio fare elogio di un gelato ignorante.

Leggi Tutto